Per le porte scorrevoli abbiamo una prima distinzione da fare, le porte scorrevoli esterno muro e quelle interno muro, che si differenziano a seconda dello scorrimento all’interno di un cassonetto o esternamente alla parete. In entrambi i casi però è da considerare che la parete dovrà risultare libera per tutta la lunghezza del passaggio, e non potrà essere utilizzato per nessun altro scopo, come ad esempio montare mobili, mensole o inserire prese di corrente o altro. Il vantaggio è il buon rapporto tra la funzionalità e la libertà di spazio nell’ambiente, oltre ad una certa raffinatezza estetica. Gli svantaggi possono essere l’impegnativa messa in opera, che se viene preventivata in fase di progettazione potrebbe non essere così problematica, e le pareti che risultano occupate qualora si desiderasse installare o montare altre cose ove scorre la porta.