Le porte tagliafuoco sono presenti in diversi modelli. Si dividono soprattutto in due categorie: quelle a battente e quelle scorrevoli. Le prime sono come le porte normali, con una o due ante battenti. I materiali sono scelti sulla base delle maggiori prestazioni di resistenza al fuoco e al calore e sono dunque l’acciaio principalmente e atri materiali che servono per le guarnizioni e le maniglie, come lana di vetro, siliconi speciali e vetri a norma. Le porte tagliafuoco scorrevoli vengono utilizzati soprattutto in ambienti molto spaziosi e a destinazione industriale, i materiali sono gli stessi impiegati per le porte a battente. E’ importante ricordare che adesso esistono sul mercato porte tagliafuoco automatiche che vengono chiuse con un comando dell’operatore qualora rilevasse eventuali situazioni di rischio, oppure ricevono il comando direttamente da una centrale.